Percorso: Pagina iniziale / Archivio / Editoriali / Ciao Alfonso

Archivio Storico

Bari - Provincia - Regione

Photoblog

Antonio

Unione Europea

Gruppo del Partito popolare europeo (Democratico-cristiano) e Democratici europei

Gruppi Europei

Gruppo del Partito popolare europeo (Democratico-cristiano) e Democratici europei Grupo del Partito del Socialismo Europeo Grupo dell'Alleanza dei democratici e dei Liberali per L'Europa Gruppo verde Alleanza libera europea Gruppo confeerale della sinistra unitaria sinistra europea/sinistra nordicai Gruppo Indipendenza / Democrazia Gruppo Unione per L'Europa delle Nazioni

Modugno.it - info

Pubblicazioni: 8880
Commenti: 5173
Contatti:
Powered by
Modugno.it

Editoriali

Ciao Alfonso

[ Pubblicato Lunedì, 26 Novembre 2007 - 13:09 ]

Modugno - Quando ieri mattina, ho letto al telefonino l'sms recante la notizia della scomparsa di Alfonso Mariconda, ho subito pensato ad uno scherzo dello stesso Alfonso il quale, in questo anno in cui ho avuto la fortuna di averlo accanto nell'attività della Commissione Statuto, ci aveva abituati, contagiandoci, ai suoi modi cortesi e garbati, alla sua filosofia di vita basata su due pilastri fondamentali: ironia e umanità.

Ho sperato fino all'ultimo, si trattasse, dell' ennesima trovata per prendersi gioco di sè stesso e della vita: "senza quella", ci ripeteva, alludendo all'ironia, "non avrei sopravvissuto ai miei acciacchi"; ho voluto di proposito non chiamare nessuno per sentire se era vero, indugiare a passare da casa sua e non vedere tracce di un lutto. Avrei però dovuto spegnere il cellulare, perchè proprio mentre, intorno a metà mattinata, mi andavo convincendo che quel burlone ne aveva combinata un'altra delle sue, ecco giungere le prime telefonate di conferma e la ricostruzione della sua perdita.
Il resto rientra nel solito rito dei manifesti, dell'incredulità e dei pianti.
Ma queste mie righe non vogliono rispondere al solo bisogno di "sfogo" bensì a ricordare come Alfonso abbia rappresentato per noi della Commissione, ma, sono convinto, per tutti coloro che l'hanno conosciuto, un riferimento, costante, discreto, rassicurante; un' ancora cui fare affidamento nei momenti di sbandamento: una certezza.
Ecco, Alfonso per me è stato una certezza che oggi non ho più e già ne sento il bisogno sia come uomo che come persona impegnata a portare avanti un compito istituzionale.
Ciao Alfonso, mi hai offerto la tua amicizia ed il tuo sostegno senza nulla pretendere e mi hai "bacchettato" quando mi hai visto "deragliare"; sempre con discrezione, però; secondo il tuo stile di gioconda serietà.
Mi mancherai, ci mancherai.

Pino Tedeschi

Modugno.it - Pubblicità

Commenti inviati

Ciao Alfonso, mi mancherai tantissimo. porterò sempre nel cuore il tuo sorriso e i consigli ke mi hai sempre dato comportandoti con me più come un padre che come amico.
ciao Alfonso ti voglio bene e non ti scorderò mai
Vito Sante Martinelli

Pur non avendo frequentato nè per motivi politici nè personali ho pianto la scomparsa di ALfonso perchè dagli incontri avuti in Forum delle Associazioni a cui ho partecipato e da occasioni di incontro in altre situazioni culturali ne ho constatato la discrezione,l'impegno sociale e la capacità di essere sempre mediatore e moderatore di necessità altrui che condiva di sapienza e conoscenza personale.Mi associo al dolore che ha colpito la famiglia ed i suoi amici più cari!Ma il miglior modo di ricordare una persona che "ha dato" è continuare sulla Sua opera che permetterà di sentirlo sempre vivo e presente tra di Noi!Ciao ALFONSO.!

Mancherai tantissimo agli Amici del Comitato Proambiente, oltre che a me, con cui hai condiviso la battaglia in difesa della salute e del territorio. UNA PERSONA SENSIBILE CHE MODUGNO NON DIMENTICHERA' MAI!!!!!
Un esempio di vita vissuta da imitare in tutto, specie per aver profuso i valori autentici e dimenticati della VITA. GRAZIE ALFONSO

Tino Ferrulli

Mi unisco sinceramente al cordoglio.
Guiderà le nostre azioni da lassù.
Ciao Alfonso
Nicola Catucci

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

('A livella, Totò)


Tutta la filosofia di vita del nostro Alfonso è racchiusa in questa poesia. La regaliamo a voi, che siete suoi amici, con l'augurio che possiate farla vostra nel continuare il percorso intrapreso insieme a lui.

Grazie.

Lina, Alfredo e Rosa Mariconda

Invia il tuo commento

Avvertenze da leggere prima di inviare un commento su Modugno.it
Non saranno pubblicati i commenti che contravvengono le indicazioni contenute nelle Avvertenze sottospecificate e nell' Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003

E’ tassativamente vietato inviare commenti:
- che non hanno attinenza al post;
- anonimi;
- pubblicitari che lincano a siti commerciali (diretti o indiretti);
- con linguaggio offensivo o razzista o che violi le leggi i taliane (istigazione a delinquere, alla violenza, diffamazione, ecc.);
Modugno.it in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, potrà cancellare o non pubblicare i messaggi.
In ogni caso Modugno.it non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

(Se è la prima volta che lasci un commento, potrebbe essere necessario l'approvazione della redazione per la sua pubblicazione. Fino ad allora, non sarà visibile. Leggi le note legali prima di inviare il tuo commento.)

Prego, inserisci codice sicurezza antispam

Ricerca



In Pubblicazioni
In Aziende/Prodotti


Apri la tua Vetrina

Multimedia

Consigli

Il portale delle scuole modugnesi

Commenti recenti

Powered by
Modugno.it
Home |  PhotoBlog |  Dall'altra parte |  Vetrine |  Wiki |  Forum |  Newsletter |  Sondaggi |  Rassegna |  Guida |  Note legali |  Redazione